Questa è evidentemente la pagina NON commerciale del sito, una cameretta dove appendo le cose della mia vita che mi va di condividere con gli amici e anche con chi mi è stato un po' sulle balle (e viceversa, ovviamente!!).

                  Nonno Angelo Della Rovere classe '99

 (una volta il cognome era staccato poi all'anagrafe ci fu un piccolo errore...) 
 

                                                


Intanto mi piace partire dalle origini...che forse spiegano perchè lo sport è stato ed è sempre al centro della mia vita.
Mio nonno paterno si chiamava come me e da quanto ho potuto sapere era un gran personaggio. Uno dei ragazzi del '99 una generazione vissuta tra le 2 guerre mondiali, il ventennio fascista e le campagne di colonialismo in Africa (che culo!),in un periodo dove non si andava tanto per il sottile.

        
Nonno Angelo anche lui nato in Agosto (il 02/08/1899) come me, è stato partigiano partecipando attivamente alla lotta per la liberazione dal nazi-fascismo.

Atleta di gran livello come canottiere e puglie, militò nei canottieri sampierdarenesi
                   

e diventò campione ligure dei medi e anche manager in Valpocevera nonchè proprietario  del bar "Ring" a Certosa (Rivarolo) e della palestra attigua dove si organizzavano spettacolari match.
                 

Il suo fisico statuario fu adoperato da modello per i personaggi maschili del monumento ai caduti di piazza Petrella...insomma seppur vissuto  tramite racconti,(visto che morì nel '48 quando mio papà era ancora bambino) per me rimane una specie di nonno supereroe, sopratutto perchè mi hanno detto che credeva in degli ideali ed era una persona generosa, dimostrandolo con i fatti, perciò sono orgoglioso di portare il suo nome!!

Uno dei due cuccioli che vedete in braccio è il mio Babbo!!
 

 Papà Luciano (ora u Nonnu pure lui, ma va bhe...) classe '36

Anche per lui sangue sportivo visto che presentandosi con un fagottino ai provini per entrare nei ragazzi della Sampdoria, fu preso ed arrivò fino a vincere uno scudetto di quella che oggi sarebbe chiamata la squadra.."Primavera". Ecco i baldi giovani con Luciano... a colori!!
     



Ma anche una foto con il liceo Cassini campione agli studenteschi...chissà quanto studiavano...

 Quando avrete un figlio, alzatelo spesso verso il cielo, secondo me da bambini è una sensazione bellissima...io ne andavo molto fiero come vedete...



Ed eccoci a noi perchè non vorrei che vi foste dimenticati di me, alla fine della fiera!!
 

ANGELO DELLAROVERE CLASSE '69

Angelo Dellarovere, nato il 9 Agosto 1969, da qui è facile capire il riferimento al logo del Laboratorio di Gelo.
Il disegno una passione da sempre...fin dai tempi del liceo!
 


veramente questo disegno non mi portò proprio bene alla maturità...ma è bellino no??
Poi unito all'altra passione della mia vita, il basket grazie al quale ho percorso tante strade trovando un mare di personaggi stravaganti e...anche una moglie!!
Qua muovo i primi passi nel D.Bosco Sampierdarena...Roby Franchini guarda già perplesso la mia tecnica di tiro!!! Però a me pareva di tirare meglio allora...
 

 
Così nascono le collaborazioni "giornalistiche" con il Corriere adriatico, Superbasket, Il Giornale...dalle vignette sulla squadra locale di basket, alla ribalta nazionale...alle vignette su Genoa e Sampdoria in Liguria! Appena arrivato Cassano era una garanzia di materiale a gogo...qui mi ricorda un bel derby (per noi blucerchiati ovviamente!)...
   

e qualche intemperanza del ragazzo...  qualche voce assurda tipo vendere lo stadio....
    

le inevitabili gioie e dolori per gli allenatori di turno...

   


O anche vignette su fatti sportivi di interesse nazionale o internazionale...ricordate la Spy story di F1 che consegnò il mondiale alla Ferrari..."bloccando" di fatto la McLaren..?!!
 

 Che bel minestrone... mi piace definirmi un vignettista sportivo...cosa aspettate a convocarmi nella nazionale artisti di pallacanestro? Per Giove!!
Nel 2000 poco dopo la nascita del mio "nanetto" Pietro (98) un altro parto: pubblichiamo "La palla nel cesto"(Fratelli Frilli Editori) primo ed unico romanzo (se così si può definire) sulla pallacanestro, un mondo riletto in modo comico...almeno l'intenzione era quella!
Se foste tra i pochi a non averlo letto...raagaaaaazzzi...ma cosa aspettate? Che ve lo prestino? Suvvia...non fate i genovesi...si può comprare anche via internet, cavolo!
 

Le rassegne stampe mi gasano parecchio e devo dire che qualche copia si è pure venduta...insomma non so in realtà quante ne ha comprate la mia mamma...ma va bhe!










L'anno dopo continuo a collaborare con i F.Frilli (a Genova un nome che è una garanzia, ragaaazzi!) e disegno le copertine di 2 libricini sui tifosi blucerchiati (quelli che il baciccia) e sui cugini rossoblu (quelli che il grifone).

Disegni abbinati al mondo del basket, è così che nascono i "ritratti" dei miei compagni di squadra...magari trasformati in magliette (ahi, ahi qua si ripresenta il commerciante... Vade retro!)

Mi piace ricordare quello del mitico (per me ovviamente) Derthona di coach Iellini del 98 che poi è ancora esposto nella galleria fotografica del palazzetto e nel libro dei 50anni.

A ridosso del nuovo millennio mi sobbarco un notevole impegno, fondando con altri spavaldi commercianti il Consorzio Rolandone a sampierdarena, di cui divento presidente per un triennio, il tempo di sviluppare con i tecnici del comune di genova il progetto di C.I.V. che porterà alla trasformazione e parziale pedonalizzazione di via Rolando. Una faticosa, ma preziosa esperienza.

Nel frattempo cambio anche residenza permanente e mi trasferisco con Alina e Pietro (ovviamente) ad Arenzano, paese sul mare e quindi dotato fonte di energia immensa....

Lì inizia una nuova attività che poi si trasformerà nell'attuale " Laboratorio di Gelo" (www.gelo69.it) dove con ricami e stampe su abbigliamento ed accessori mi specilizzo nel creare linee di merchandising..


Poi per soddifare il mio ego smisurato, come sotiene Alina, la mia dolce metà (parlo sul serio gente voi non la conoscete bene!!), o per dire la mia un po' sul serio un po' per scherzo, come me la racconto io...ogni tanto scrivo qualche riga sui siti di riferimento delle societa' di basket con cui collaboro in palestra...e auto fondo una rubrica, per esempio su www.basketpegli.it  credo ci siano ancora tracce di "Per Cento Pinne!", pensieri, parole, idee...e va bhè!

Nell'estate del 2011 esce il mio secondo libro, edito dagli amici di "Lo Sprint" IL LICEO NEL PALLONE.
 

 
Questo scritto ha una duplice missione:
Quella di presentare un progetto (vero) in forma scherzosa, di adesione delle scuole superiori ad un rinnovato CAMPIONATO ITALIANO STUDENTESCO
e quella di raccogliere fondi per costruire un "campo" rudimentale" da gioco in Camerun, in collaborazione con l'associazione "Sports around the world".

Nasce anche uffucialmente il fumetto, a "tavole" disegnato a 4 mani,con Pietro e che si chiama "Piterbol"...Se avete visto la Home P credo che lo abbiate riconosciuto!! Cercheremo di proporre la nuova versione PITERBOL4YOU, 4 tavole inedite ogni metà mese, a disposizione on-line.

 

Con un vecchio amico, ex allenatore (Federico) e un altro Federico detto Fedeshow (ora emigrato in Brasile dove ha messo su una "pousada" da sogno...) abbiamo fondato il "Clan dei Piranhas" radunando un gruppo di persone che annualmente sostengono un progetto sociale ben definito e lo finaziano attraverso una raccolta fondi.
Siamo partiti con l'idea di fare qualcosa di concreto ogni anno e bhe, dal 2006 che ci riusciamo. Ovviamente abbiamo un sito, disegnato dal mitico Mike di Cogo e ora aggiornato dal vecchiogiovane savonese Turbo  www.clanpiranhas.it.

Ma le peripezie del basket non finiscono mai...così è nato il favoloso gruppo over 40 a Pegli...che mi riportain campo dopo aver dato l'addio nel 2007....
 



 
In effetti ciprovo gusto e dopo un anno di D a Pegli, insieme ai ragazzi che allenavo in under 19 e qualche vecchio amico... 

il successivo in C2

e poi quest'anno pesco il jolly di partecipare alla fantastica cavalcata del Derthona basket in C1, torno a Tortona dove giocai nel 98...

Il mio obbiettivo resta allenare i giovani con cui mi trovo molto bene e mi scambio tante piacevoli sensazioni...mi piacerebbe aprire una scuola basket nel paese in cui vivo, ma vedremo... nel frattempo mi tengo in forma: "mens (quasi) sana in corpore sano"  ....OLE'!

 


E' bello condividere il lavoro con gli amici. Cosė qua mi sono divertito a raccogliere la testimoniaza fotografica di gruppi pių o meno organizzati... tutti passati dalle mani di Gelo...che spettacolo!!